Logo-Parco-Turistico

Il logo del “Parco turistico-culturale di Giaveno e della Val Sangone” tiene insieme il richiamo all’arte, una ricchezza del territorio da valorizzare, e al paesaggio, un altro elemento di forza da promuovere. I colori scelti, invece, riprendono quelli della Città di Giaveno, in quanto sede della Fondazione Pacchiotti, e ‘capoluogo’ ideale della Valle.

L’aspetto artistico è stato evocato scegliendo la fontana con la statua della Venere e il suo loggione di stampo classicheggiante posti nel parco “Maria Teresa Marchini” a Giaveno. Il complesso monumentale, la dea e il suo loggiato, di altissimo livello, sono databili fra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento, realizzati dalle ottime maestranze e con belle finiture di Massimiliano Boassa.

Il profilo della catena montuosa del monte Ciabergia, che abbraccia e chiude la Valle, è stato scelto in quanto sfondo naturale visibile dai comuni che compongono la Val Sangone, suggestionati dalla descrizione scritta nell’opera giovanile di Gaudenzio Claretta “Giaveno, Coazze e Valgioie” del XIX secolo. “Muovendo indi da Avigliana verso Giaveno, la strada che quivi scorge ora è acclive, ed ora è piana, sino a che dopo dolce discesa, riesce in amena valle, ove è posta questa terra. Siede Giaveno alle falde delle Alpi Cozie, a manca del Sangone, in ridente e salubre vallata, cui fa corona una catena di monti che d’ogni canto vi si adergono”.